Archivio per la categoria ‘Cronache dal buio del mondo’

0.

C’è un luogo di cui non conosci l’esistenza.

In ogni occhio c’è un punto cieco, un punto nel quale non vedi realmente cosa c’è, ma quello che il tuo cervello crea per sopperire a questa mancanza. Fa una stima su quale sia la cosa più probabile che ci sia lì e ti manda quell’immagine. Sono punti situati lateralmente a ogni occhio, perciò non ci fai nemmeno caso, ma quello che vedi, non sempre è quello che è.
Prendi un foglio bianco, un grosso foglio bianco. Non di quelli con i quadretti o le righe, uno di quelli per la stampante o la fotocopiatrice. Quel foglio è il mondo così come lo conosci. Ora fissalo.
Niente di strano, tutto bianco.
Ma se nel punto cieco di prima si nascondesse qualcosa? Se ci fosse una piccola ‘x’ nera? Come faresti a sapere che esiste? Dovresti muovere lo sguardo, spostarti, per riuscire a vederla. Ma quel foglio, in qualche modo, ha fatto si che tu non abbia nemmeno voglia di spostare lo sguardo. Intanto a quella ‘x’ può succedere qualsiasi cosa, ma tu non lo saprai, e detto tra noi, non ti va nemmeno di saperlo.
Purtroppo quella ‘x’ esiste, ed è nera come la notte. E’ un paese di cui nessuno parla, isolato da tutto, e credimi, se anche lo conoscessi, fingeresti che non esista. Il foglio bianco ha deciso di voltargli le spalle, e di conseguenza, la gentilezza è stata ricambiata.
Non vi dirò il nome di questo luogo e nemmeno dove si trova.
Non è mia intenzione fare della polemica politica. Sì, forse il governo avrebbe dovuto fare qualcosa per salvare il salvabile, ma non l’ha fatto per vari motivi. Questo è quanto, sarebbe inutile continuare a parlarne, tanto ormai qualsiasi intervento risulterebbe solo uno spreco di tempo.
Non voglio nemmeno propinarvi il sermone su quanto siamo fortunati e quanta gente sta peggio di noi. In fondo, è solamente una questione di numeri. Qualcuno deve nascere in certi luoghi. Qualcuno deve rischiare di morire per un raffreddore e qualcun altro deve mangiare fino a vomitare. Devi solo sperare di avere un sacco di fortuna.
Voglio solo fare cronaca, informare. Voglio muovere il vostro sguardo, farvi notare che quella ‘x’ esiste davvero.